30 ottobre 2013

Stati Uniti e Israele, nazioni nemiche della civiltà dei popoli liberi


Cuba. l'Assemblea generale dell'Onu di nuovo contro l'embargo

Con 188 voti a favore, due contrari – Stati Uniti e Israele – e tre astensioni, Cuba ha ottenuto per il 22° anno consecutivo il sostegno dell’Assemblea generale dell’Onu contro il bloqueo imposto dalla Casa Bianca

Con 188 voti a favore, due contrari – Stati Uniti e Israele – e tre astensioni, Cuba ha ottenuto una nuova vittoria diplomatica ottenendo per il 22° anno consecutivo il sostegno dell’Assemblea generale dell’Onu contro l’embargo – "bloqueo" – imposto dalla Casa Bianca all’isola nel 1962. Palau, piccolo paese del Pacifico che solitamente vota "no", quest’anno si è astenuto con Micronesia e Isole Marshall. La risoluzione, dall’esplicito titolo “La necessità di porre fine al blocco economico, commerciale e finanziario imposto dagli Stati Uniti d’America contro Cuba”, chiede il fine dell’embargo ma anche della legge Helms-Burton del 1996 che lo inasprisce ulteriormente. Intervenendo in aula, il capo della diplomazia dell’Avana, Bruno Rodríguez, ha riferito che l’embargo ha arrecato complessivamente a Cuba danni economici per 1,15 miliardi di dollari, con una recrudescenza negli ultimi anni, sotto il mandato di Barack Obama.

 Ha aggiunto che la politica statunitense impedisce il libero movimento delle persone e il flusso delle informazioni, osservando allo stesso tempo che dopo mezzo secolo di embargo e trascorsi oltre 20 da quando le Nazioni Unite lo condannarono formalmente la prima volta, la politica statunitense verso l’isola soffre “un assoluto isolamento e discredito mondiali”.

30/10/2013 www.liberazione.it

Nessun commento: