8 luglio 2013

Paolo Ferrero, segretario di Rifondazione Comunista: "Il piano del Pdl di riduzione del debito è un furto ai danni degli italiani"

La proposta del Pdl riportata stamani dal Corriere della Sera di abbattere il debito pubblico attraverso un piano straordinario di vendite e privatizzazioni è un furto ai danni del popolo italiano ed un ennesimo favore alle banche tedesche che comprerebbero tutto a prezzi stracciati. Il problema dell’Italia non è il debito ma i tassi di interesse usurai che sul quel debito si pagano. Per uscirne non bisogna vendere l’argenteria di famiglia continuando ad ingrassare gli usurai ma al contrario far fuori gli usurai e abbattere i tassi di interesse. Altrimenti sarebbe come cercare di riempire d’acqua una vasca bucata. Per abbattere i tassi di interesse occorre che la Bce acquisti direttamente i titoli di stato. Se questo non avvenisse occorre disobbedire ai trattati europei, prevedendo che la Banca d’Italia partecipi alle aste dei titoli sul mercato primario, che lo Stato inizi a usare i titoli di stato come moneta corrente, fino a costruire una vera circolazione monetaria parallela, una moneta nella moneta con tassi di interesse dell1% invece che del 4%.”

07/07/2013 www.liberazione.it

Nessun commento: