29 maggio 2013

lettera aperta. La giustizia è uguale per tutti vero, ma i fatti dimostrano il contrario perchè sia le Forze dell'Ordine che Equitalia vi dimostrate forti con i deboli e debolissimi con i forti ed i potenti!

Equitalia: Una storia di ordinaria vessazione (verso i deboli)

Scrivo questa lettera per mio padre, pensionato di 76 anni. Bellissima sorpresa alle 13,15 di oggi martedì 28 maggio 2013. Suona il postino che dice di scendere a firmare per una raccomandata. Ci va mio padre e torna su abbastanza angustiato perchè ritira una raccomandata di Equitalia.
Cominciamo a leggere (potreste anche scrivere un pò con termini più semplici, visto che spesso chi riceve le lettere sono anziani o persone di non grandissima cultura), comunque capisco che la Polizia Municipale di San Giorgio di Piano(BO) ha dato mandato ad Equitalia di riscuotere una multa di 80 euro (secondo loro non pagata del 2009). Incavolati neri ci mettiamo alla ricerca di documenti (fortuna che i miei genitori non buttano nulla).
Troviamo il verbale della multa con relativo bollettino di pagamento, quindi telefono al numero verde e pur rimanendo abbastanza calmo dico quello che penso, lamentandomi del tempo che dovrò perdere per andare a dimostrare che ho pagato per un vostro errore, ed anche dello spaghetto che fate venire a due pensionati che si vedono arrivare una cartella Equitalia per una multa di 33 euro 4 anni dopo (mi ha risposto che hanno 5 anni di tempo). Così domani mattina (perchè al pomeriggio è chiuso) dovrò recarmi all'ufficio della Polizia Municipale di San Giorgio di Piano (BO) e speriamo che il tutto si concluda lì! Oggi mercoledì 29 maggio 2013 ci rechiamo al Comando di Polizia di San Giorgio di Piano alle ore 9,00 e consegniamo i documenti allo sportello, il responsabile guarda al computer la pratica e ci dice che risulta che abbiamo pagato un acconto della multa di 33 euro invece di 38. Allora abbastanza arrabbiati guardiamo il verbale originale scritto a mano dove si vede abbastanza male la cifra di 38 e si può confondere con un 33.
Quindi sempre più arrabbiati chiediamo il perchè non ci avete comunicato subito od almeno entro i 60 giorni che la multa non risultava saldata visto che l'avevamo pagata il giorno in cui l'infrazione era stata commessa e la risposta è stata che hanno 5 anni di tempo per rivendicarla.Allora gli rispondiamo che pagare subito il giorno dopo anche se sbagliando importo non basta a dimostrare che si vuole pagare? E poi cosa aspettate 4 anni a contestarmela così da una mancanza di 5 euro mi venite a chiedere 80 euro? La risposta è stata io non posso fare niente,al massimo le posso fare la richiesta di annullamento della pratica da inoltrare al Comandante che poi la comunicherà ad Equitalia che poi deciderà se accettare o meno! Ecco come siamo messi in questo bel Paese, le Forze dell'Ordine che ti contestano le infrazioni, poi demandano ad Equitalia la riscossione (invece di farla loro) e la cosa che più mi dà fastidio che si sente a pelle che partono dal principio che noi cittadini siamo tutti colpevoli a prescindere, senza nessuna scusante o comprensione minima!
Mi chiedo invece come sarebbero stati più zelanti invece se avessero avuto a che fare con una multa che ne sò a Montezemolo o Marchionne! La giustizia è uguale per tutti vero, ma i fatti dimostrano il contrario perchè sia le Forze dell'Ordine che Equitalia vi dimostrate forti con i deboli e debolissimi con i forti ed i potenti! Mi sono permesso di dare un consiglio anche al poliziotto al computer, gli ho detto che dal sito del Comando di Polizia di San Giorgio di Piano tolga la frase scritta in grande "Al servizio dei cittadini" perchè credo sia fuori luogo ed inappropriata!!!

Tugnoli Carles
Cento (Fe)
29/05/2013 www.liberazione.it

Nessun commento: