27 aprile 2013

Nel Paese vergognosamente considerato il "più libero del mondo" la giustizia è un optional per i giusti. Per gli USA la parola giustizia è sinonimo di tortura contro gli innocenti, Guantanamo docet


«Libertà per i Cinque». La campagna di Italia-Cuba

Con una offensiva mediatica senza precedenti, l'Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba ha esposto dieci cartelloni pubblicitari, di 4 metri per 3, in altrettanti  quartieri di Roma. Il primo è stato inaugurato in Via Cristoforo Colombo una delle arterie principali della capitale italiana. I cartelloni, con i volti di Antonio Guerrero, Fernando Gonzalez, Gerardo Hernandez, Ramon Labanino e Rene Gonzalez, portano la seguente scritta: «Libertà per i cinque cubani da quindici anni in carcere negli Stati Uniti, per aver smascherato il terrorismo contro Cuba».
L'Associazione Italia-Cuba continuerà nella battaglia per chiedere la liberazione dei Cinque antiterroristi cubani fino a quando non verrà abbattuto il muro di silenzio che circonda questo caso. I mass media italiani e le grandi corporazioni dell'informazione non parlano del caso dei Cinque perché metterebbero in risalto la doppia morale del Governo di Washington nella lotta al terrorismo. In Florida, ed in particolare a Miami, radicano organizzazioni terroristiche finanziate dalla FNCA che vivono sotto l'ala protettrice del Governo USA.

26/04/2013

Nessun commento: